Home

Sacramento della Riconciliazione

Il Papa: con la Confessione l'uomo passa dalla miseria alla misericordia

Nel mese di marzo Francesco esorta a pregare affinché il sacramento della Riconciliazione sia vissuto “con una rinnovata profondità, per gustare l’infinita misericordia di Dio” Leggi di più...

 

SPERANZA…

Nell’attuale contesto di preoccupazione in cui viviamo e in cui tutto sembra fragile e incerto, parlare di SPERANZApotrebbe sembrare una provocazione. Il tempo di Quaresima è fatto per sperare, per tornare a rivolgere lo sguardo alla pazienza di Dio, che continua a prendersi cura della sua Creazione, mentre noi l’abbiamo spesso maltrattata (cfr Enc. Laudato si’, 32-33.43-44). Leggi di più...

​​​​​​​

 
„La Terra è ciò che è comune a tutti”Wendell Berry

Come Suore della Santa Croce, ci impegnamo ad essere co-creatrici nell’abbracciare la creazione di Dio; in solidarietà prendiamo misure adeguate per vivere in modo sostenibile, per promuovere la giustizia, la misericordia e l’uguaglianza (CG 2019)

Ci sforziamo di lavorare insieme per fare la differenza, creando solidarietà con le donne  e gli uomini consacrati a livello globale. Partecipiamo alla campagna "Seminare speranza per il pianeta".

Ecco il link ... https://www.sowinghopefortheplanet.org/

 

Fr Teodosio È morto il 15 febbraio 1865 a Heiden. Giustamente sulla sua lapide c’era la seguente scritta: “Per questo nobile sacerdote - Educatore della gioventù -Amico dei malati - Padre dei poveri: il ricordo da parte di quelli che lo hanno stimato."

PADRE TEODOSIO FLORENTINI,

oltre ad essere un riformatore sociale, era anche un riformatore cattolico. Come un buon pioniere e araldo, ha dimostrato al mondo lo spirito e la forza della Chiesa cattolica. Era amico di ogni persona, a qualunque classe  appartenesse. Di lui si diceva che non fosse né un liberale, né un conservatore, né un ultra moderno. Eppure in lui troviamo una miscela di tutto questo. Ha intrapreso diverse attività per rispondere alle necessità del suo tempo.

Goditi il video che trovi qui collegato....

Per le Donne vittime di VIOLENZA...

A febbraio Francesco esorta, in particolare, a pregare e impegnarci, tutti, per le tante donne che ogni giorno subiscono maltrattamenti nel mondo. Leggi di più… 

Il Papa parla della tristezza interiore che a volte assale la vita dei consacrati e dice che essa

" è un verme, un verme che ci mangia da dentro". Qualcosa da cui fuggire. Leggi di più...

 

 

Non c’è pace senza la cultura della cura

La cultura della cura, quale impegno comune, solidale e partecipativo per proteggere e promuovere la dignità e il bene di tutti, quale disposizione ad interessarsi, a prestare attenzione, alla compassione, alla riconciliazione e alla guarigione, al rispetto mutuo e all’accoglienza reciproca, costituisce una via privilegiata per la costruzione della pace. «In molte parti del mondo occorrono percorsi di pace che conducano a rimarginare le ferite, c’è bisogno di artigiani di pace disposti ad avviare processi di guarigione e di rinnovato incontro con ingegno e audacia».  Leggi di più...

 

Quando vado a confessarmi è per guarirmi, per curarmi l’anima. Per uscire con più salute spirituale. Per passare dalla miseria alla misericordia. E al centro della Confessione ci sono non i peccati che diciamo, ma l’amore divino che riceviamo e di cui abbiamo sempre bisogno. Il centro della Confessione è Gesù che ci aspetta, ci ascolta e ci perdona. Ricordatelo: nel cuore di Dio ci siamo noi prima dei nostri errori. Preghiamo affinché viviamo il sacramento della riconciliazione con una rinnovata profondità, per gustare l’infinita misericordia di Dio.

Papa Francesco – Marzo 2021